Scuola, Mattarella: Deve unire e non segregare. Mai seminare odio

Roma, 17 set. (LaPresse) - "Settant'anni fa, nel settembre del 1938, la stagione scolastica si apriva con l'espulsione dalla scuola pubblica di tutte le ragazze e i ragazzi, le bambine e i bambini ebrei. E con il licenziamento dei professori di origine ebraica. Una legge aveva dato forma a un razzismo di Stato: è una delle pagine più brutte e tristi della nostra storia". Così il presidente della Repubblica, Sergio Mattrella, parlando alla cerimonia dell'anno scolastico 2018-2019 sull'Isola d'Elba.

"Liliana Segre - come altri - ha ricordato, in questi giorni, il suo trauma di bambina esclusa dalla scuola che era e sentiva propria. La feroce discriminazione subita. Questa è una lezione che non dobbiamo mai dimenticare. La scuola deve unire e non dividere o segregare. La scuola deve moltiplicare le opportunità, non ridurle. La scuola deve generare amicizia, solidarietà, responsabilità e mai seminare odio, rancore, volontà di sopraffazione, discriminazioni di qualunque genere".

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata