Scontri Roma, Salvini: Guerra in Libia e non difendiamo fontana?

Roma, 23 feb. (LaPresse) - "In Italia non si dimette mai nessuno. Qualcuno ha sbagliato, qualcuno avrebbe dovuto chiedere scusa". Lo ha detto il segretario federale della Lega Nord Matteo Salvini a Quinta Colonna su Rete4 a proposito dei gravi disordini del 18 e 19 febbraio a Roma, di cui si sono resi protagonisti gli hooligan del Feyenoord in trasferta nella capitale per un incontro di Europa League. "Marino per la manifestazione che faremo sabato mi ha fatto sottoscrivere un'assicurazione da un milione e mezzo di euro - ha aggiunto Salvini - Ma se l'ho sottoscritta io, perché non l'hanno fatta sottoscrivere anche a loro? Renzi vuole andare a fare la guerra in Libia e non sa difendere una fontana?".

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata