Scambio di accuse tra Salvini e Di Maio, tensione alta nella maggioranza

Il governo è sull'orlo della rottura. Questa mattina i due vicepremier, il leghista Matteo Salvini e il pentastellato Luigi Di Maio, si sono scambiati pesanti accuse che mettono ulteriormente in crisi i rapporti tra le due anime dell'esecutivo. "Da due giorni Cinque Stelle e Pd sono al governo insieme, per ora a Bruxelles", ha twittato Salvini, riferendosi alla scelta di eleggere Ursula von der Leyen alla presidenza della Commissione europea. "C'era un accordo per cui la Lega avrebbe votato Ursula Von der Leyen in cambio di un Commissario. Hanno capito che non avrebbero avuto il Commissario europeo e si sono ritirati", la replica di Di Maio. Sulla vicenda arrivano le bordate dell'opposizione. "La paralisi è totale", dichiara il segretario del Pd Nicola Zingaretti. "Se è crisi vengano in Parlamento, poi le elezioni", aggiunge l'ex premier Matteo Renzi.