Saviano: "Mi candido io contro Di Maio. Sono indagato come lui"
Lo scrittore ricorda Marco Pannella che si candidò alle primarie del Pd ma fu escluso perché non aveva i requisiti. "Anch'io indagato per diffamazione"

"Signore e signori, ebbene sì, Luigi Di Maio lo sfiderò io". Così, provocatoriamente, lo scrittore Roberto Saviano sui social. "Questa mattina - spiega - mi sono svegliato con il desiderio di omaggiare Marco Pannella e la sua eterna capacità di sorprendere e sparigliare le polverose strutture della politica tradizionale. Nel 2007 si candidò alle primarie del PD ma fu escluso perché non soddisfaceva i requisiti richiesti dal neonato Partito democratico. Ebbene, approfitto di questa sede per ufficializzare la mia candidatura a premier per il M5S. Lo faccio anche per trarre il MoVimento dall'impaccio di una situazione patetica per non dire bulgara. Per spezzare una lancia in mio favore, ammetto di non essere iscritto al MoVimento, ma condivido con Luigi Di Maio lo status di indagato per diffamazione (incidenti del mestiere). Votatemi!", conclude

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata