Salvini sicuro: Nel 2017 sarò al governo, escludo alleanza con M5S
"Su immigrazione la pensano all'opposto di noi. E anche sull'Europa pensano al referendum sull'euro, che non si può fare"

"Il 2017 sarà l'anno di Matteo Salvini al governo". Non ha dubbi il leader leghista, che oggi a 'Un Giorno da Pecora', su Rai Radio1, ha parlato a lungo di governo, alleanze e legge elettorale insieme ai conduttori Giorgio Lauro e Geppi Cucciari. Secondo i conduttori, se non si presenterà con tutto il centrodestra, sarà difficile riuscire a diventare premier..."Berlusconi dovrà scegliere, tra Renzi, Alfano, Casini...", ha risposto Salvini. Ma anche se avesse il supporto di FI e FdI non avrebbe i numeri sufficienti..."E chi l'ha detto? Vedremo". Certo, se decidesse di allearsi col M5S..."Su immigrazione la pensano all'opposto di noi. E anche sull'Europa pensano al referendum sull'euro, che non si può fare".

E' possibile un'alleanza con loro?, si chiedono Lauro e Cucciari. "Ad oggi escludo di fare un'alleanza con il Movimento Cinque Stelle, poi se cambiano idea su immigrazione, sicurezza e altri temi...". Quali potrebbero essere i suoi interlocutori preferiti nel M5S? "Non faccio nomi". Di Maio? "E' un po' democristiano".  Di Battista? "Lui è un più ruspante". Fico? "Non lo conosco". La Lombardi? "Era una mia compagna di classe...". E la Taverna? "Io adoro le taverne, ci passo del tempo..." Se non si allea coi Cinquestelle, dovrebbe farlo con Renzi. "Con Renzi lo escludo. Se c'è un'alleanza del cosiddetto centrodestra è una roba che fa venire l'orchite, è superata, fa venire l'allergia. Ma ad oggi abbiamo programmi condivisibili con la Meloni, con Toti, con Fitto e centinaia di sindaci", ha concluso Salvini.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata