Salvini: Lega unico partito in crescita, sfido Renzi alle urne

Milano, 25 nov. (LaPresse) - "Nonostante il forte astensionismo abbiamo raddoppiato i consensi, siamo gli unici col segno più, se si considerano i dati assoluti". Così Matteo Salvini commenta su Repubblica i risultati, che definisce "straordinari", che la Lega ha ottenuto in Emilia Romagna, dove è stata confermata come secondo partito in Regione, con il 20% dei voti contro l'8% di Forza Italia e con9 consiglieri regionali. A Matteo Renzi Salvini dice: "Andiamo alle urne e vediamo chi prende il 51%", "se ti senti così forte conviene anche a te, meglio così che tirare a campare, io sono pronto". "Non vorrei - aggiunge - che il Paese restasse ostaggio dei continui litigi nel Pd. Succedeva anche nel centrodestra, quando eravamo al governo, sto rivedendo la stessa fotografia".

Invece che commentare i voti che sarebbero confluiti nella Lega da Forza Italia, Salvini preferisce "sottolineare che migliaia di elettori del Pd e dei 5 Stelle stavolta hanno scelto un partito lepenista, razzista, fascista, per stare a come ci dipinge la sinistra", evidenziando che Berlusconi "è una persona intelligente, non ha bisogno dei consigli diáSalvini". La Lega presenterà a breve le sue proposte economiche, "a partire dall'aliquota unica dell'Irpef che favorisce i meno abbienti. Spero che Forza Italia la sostenga. E la smetta di tenere un piede nella maggioranza e l'altro all'opposizione.áBasta col Nazareno. E, in vista delle future alleanza, basta con Alfano, che sostiene Renzi".

Nel weekend il segretario della Lega incontrerà Marine Le Pen a Lione "per gettare le basi dell'Europa che verrà. Non quella delle banche, ma dei produttori", e sul finanziamento che il Fronte Nacional ha ricevuto da Putin commenta: "Buon per lei, la invidio. Noi abbiamo 70 dipendenti in cassa integrazione". Salvini assicura che il leader russo non ha mai offerto soldi alla Lega: "Ma quando mai. Comunque io le battaglie le faccio non perché Putin mi regali dei soldi, ma perché sono giuste. E lo è quella contro le sanzioni alla Russia, che per l'Italia significano cinque miliardi di esportazioni mancate. E poi lui è il migliore alleato dell'Europa contro il terrorismo islamico, non è certo un nemico". Venerdì Salvini discuterà del nuovo 'contenitore' da lanciare nel Centro-Sud, dove ci sarebbero "40mila persone pronte a impegnarsi al nostro fianco".

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata