Salvini: Dopo elezioni programma con FI, ma no lista unica
"Il centrodestra che qualcuno dava per morto è in ottima forma"

"C'è un centrodestra vivace. Qualcuno lo dava per morto e invece, sorpresa: è in ottima forma. E dal 26 giugno scriverà il suo programma". Intervistato dal Corriere della Sera, il segretario federale della Lega Nord, Matteo Salvini, guarda con ottimismo ai ballottaggi per le elezioni amministrative, che vedono il centrodestra in vantaggio in molti comuni. "Abbiamo tanti e tanti sindaci e consiglieri in più. Non soltanto in Lombardia: ora sosteniamo il nostro primo sindaco nel Lazio, a San Felice Circeo. In Sicilia abbiamo 25 nuovi consiglieri comunali", spiega. E aggiunge: "La Lega è particolarmente in forma ma tutta la squadra ha giocato un buon primo tempo. Dal 26 giugno, il giorno dopo i ballottaggi, costruiamo insieme il programma del centrodestra". Salvini si dice pronto a rilanciare l'alleanza con Forza Italia: "Il punto è avere le idee chiare e lavorare seriamente. Come in Lombardia e Veneto, io sono orgoglioso delle nostre politiche di governo".

Il leader del Carroccio si prepara a ripartire da un programma comune, ma esclude l'ipotesi di una lista unica, perché "si può andare d'accordo ma ognuno ha la sua identità". In merito al rapporto tra Italia e Unione europea, su cui le posizioni tra Lega Nord e Forza Italia sono opposte, Salvini sottolinea che "un Salvini al governo un'ultima opportunità di cambiamento all'Europa la darebbe. Noi chiediamo di riscrivere molti trattati: su commercio, banche, frontiere... Se ci dicono di sì, ci mettiamo al lavoro. Se no, ci avremo provato e vedremo. Certo, Forza Italia con una certa Europa è al governo. E il presidente del Parlamento (Antonio Tajani) è di Forza Italia".

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata