Risparmi di 26 mld da spending review

Roma, 6 lug. (LaPresse) - Si è conclusa a tarda notte la riunione del consiglio dei ministri che ha approvato la spending review, ovvero il decreto legge su "disposizioni urgenti per la riduzione della spesa pubblica a servizi invariati". Con gli interventi approvati il risparmio per lo Stato sarà di 4,5 miliardi per il 2012, di 10,5 miliardi per il 2013 e di 11 miliardi per il 2014. Losi legge in una nota diffusa da Palazzo Chigi al termine del cdm. Una prima serie di interventi è stata deliberata con il Provvedimento della PCM e del MEF sullo snellimento delle strutture e la riduzione degli organici" (Comunicato stampa del 15 giugno 2012). Le nuove disposizioni di revisione della spesa pubblica mirano a tre obiettivi informa Palazzo Chigi in una nota. Il primo obiettivo è quello di iscrivere il funzionamento dell'apparato statale entro un quadro razionale di valutazione e programmazione. Secondo obiettivo è la riduzione della spesa non incide in alcun modo sulla quantità di servizi erogati dalle pubbliche amministrazioni a favore dei cittadini ma mira a migliorarne la qualità e l'efficienza. Infine si punta all'eliminazione degli eccessi di spesa che "produrrà una serie di benefici concreti per i cittadini. Permetterà, anzitutto, di evitare l'aumento di due punti percentuali dell'IVA per gli ultimi tre mesi del 2012 e per il primo semestre del 2013".

Grazie al risparmio ottenuto sarà inoltre possibile estendere la clausola di salvaguardia in materia pensionistica prevista dal decreto legge 'Salva Italia' ad altri 55.000 soggetti, anche se maturano i requisiti per l'accesso al pensionamento successivamente al 31 dicembre 2011. Complessivamente, l'importo a favore dei lavoratori salvaguardati è di 1,2 miliardi ( a partire dal 2014). Sono infine previsti stanziamenti per la ricostruzione delle zone danneggiate dal sisma. 500 milioni sono stati già stanziati con il decreto d'urgenza per le zone terremotate. La spending garantirà ulteriori risorse: 1 miliardo per il 2013 e 1 miliardo per il 2014. Sarà adottato un terzo provvedimento di spending review. Esso riguarderà le agevolazioni fiscali, la revisione strutturale della spesa e i contributi pubblici sulla base delle analisi effettuate, per incarico del Governo, dal Professor Giuliano Amato e dal Professor Francesco Giavazzi.

La riduzione degli eccessi di spesa delle pubbliche amministrazioni, per la parte relativa ai beni e servizi, è frutto dell'analisi svolta del Commissario straordinario per la spending review, Enrico Bondi. L'analisi ha permesso di individuare un benchmark di riferimento - o indicatore di valore mediano di spesa - in base al quale stimare l'eccesso di spesa in capo alle amministrazioni (lo Stato centrale, le Regioni, le Province, i Comuni e gli enti pubblici non territoriali). Per calcolare la mediana sono stati prese in considerazione 72 merceologie (prendendo spunto anche dalle lettere dei cittadini). Un valido supporto è giunto infine dagli oltre 135.000 messaggi di cittadini che hanno aderito alla consultazione pubblica sulla spending review, segnalando al Governo sprechi e inefficienze. Tra le iniziative segnalate più frequentemente come esempi di buone prassi spiccano "Cielobuio" (che propone una riduzione dei tempi e dei punti di illuminazione negli edifici pubblici), l'esternalizzazione del trasporto pubblico locale (già sperimentata con successo da alcune amministrazioni locali) e la riduzione del parco auto (con oltre il 20% della segnalazioni) ricorrendo a soluzioni alternative come il car sharing o il car pooling.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata