Riforme, Russo (Pd): M5S senza argomenti fa ostruzionismo e insulta

Roma, 22 lug. (LaPresse) - "A corto di argomenti i senatori del Movimento 5 Stelle raschiano il barile delle offese personali e delle strumentalizzazioni. Non contenti di raccontare una deriva plebiscitaria alla quale non crede nessuno e che non è avallata da neppure uno dei molti costituzionalisti di questo Paese e di intestardirsi con un ostruzionismo in aula con il tentativo di rallentare la riforma del Senato che l'Italia aspetta da vent'anni, ora passano alle offese e ad attaccare il capogruppo del Pd Luigi Zanda, reo di aver semplicemente chiesto in aula la convocazione della conferenza dei capigruppo per decidere il calendario dei lavori". Lo dichiara il senatore del Partito democratico Francesco Russo.

"È un atteggiamento irresponsabile - continua Russo - che dimostra non solo poca sensibilità istituzionale che poi loro pretendono dagli altri, ma anche scarsa conoscenza delle regole della democrazia e della normale fisiologia del Parlamento nonché la totale assenza di educazione che dovrebbe essere patrimonio di ogni cittadino. Ottomila emendamenti non sono il tentativo di migliorare e arricchire la riforma del Senato, è solo uno dei modi per mettere il bastone tra le ruote delle riforme, e dunque dell'Italia. Il Movimento 5 Stelle e la senatrice Barbara Lezzi possono stare tranquilli - conclude il senatore democratico - la conferenza dei capigruppo stabilirà tempi certi per garantire il diritto delle minoranze come sempre è stato fatto ma senza che questo significhi schiacciare quelli della maggioranza".

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata