Riforme, Crimi: Servirà una nuova legge elettorale specifica per i senatori

Roma, 10 lug. (LaPresse) - Il senatore Vito Crimi (M5S) è scettico sul metodo di elezione dei senatori su base proporzionale da parte dei Consigli regionali, appena approvato dalla commissione Affari costituzionali del Senato di cui è membro. "Non si potrà tenere conto del premio di maggioranza - spiega a LaPresse - quindi si dovrà trovare un vero e proprio algoritmo per eleggere i nuovi senatori. Si rimanda perciò a una ulteriore legge elettorale specifica che regolerà la loro elezione".

"E' un'elezione indiretta che di fatto annulla le competenze del Senato e viola l'articolo 1 della Costituzione - ha aggiunto -. Il nuovo Senato insieme all'Italicum creeranno un sistema di regime", ha rincarato il senatore del M5S. "In commissione - ha rivelato - tanti senatori hanno manifestato la volontà che il Senato fosse elettivo, ma hanno detto che avrebbero votato seguendo le indicazioni del governo".

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata