Renzi: Visita in Iraq nel cuore, commosso e orgoglioso

Roma, 2 set. (LaPresse) - "Il 18 agosto sono stato a Baghdad e Erbil.

Ci sono andato per dire che l'Europa non è solo spread e vincoli di bilancio, parametri e quattrini, ma innanzitutto valori e dignità. Chi ha fatto l'Europa pensava alla pace e alla dignità dell'uomo dopo gli orrori dei totalitarismi. Per questo il presidente di turno dell'Europa mentre si fucilano bambini perché appartengono a famiglie di una religione diversa, si rapiscono e violentano ragazze, si compie quello che tecnicamente è un genocidio, beh il presidente di turno dell'Europa non sta a guardare". Lo scrive Matteo Renzi nella sua enews.

"La mia visita in Iraq e nella zona di Erbil - dice Renzi - resterà impressa nel mio cuore a lungo. Non si spiegano in un messaggio che non suoni retorico le impressioni, i suoni, gli odori, le voci di un campo profughi. Voglio però che sappiate - aggiunge il premier - che se sono tornato a casa commosso, colpito, triste, preoccupato, c'è stato in me uno spazio di orgoglio per aver rappresentato l'Italia. Ci vedono come portatori di speranza. Sono riconoscenti ai nostri volontari e alle nostre organizzazioni che si fanno in quattro per dare una mano. Devono in alcuni casi la vita ai nostri medici. Per cui quando dicono Italia loro dicono speranza e gratitudine. Credo che tutti, io per primo - conclude il premier - dovremmo esserne più consapevoli".

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata