Renzi: Social network diffusori di odio, in politica uso perverso
"Il consenso politico e la politica con 'p' maiuscola non stanno negli hashtag"

"I social network oggi sono un diffusore di odio, tre anni fa non avrei mai pensato di dire una cosa del genere. In politica c'è un utilizzo perverso, non è più un terreno di confronto". La pensa così il premier Matteo Renzi intervistato da Luca Sofri per l'inaugurazione del Festival delle Letterature dell'Adriatico al Teatro Cinema Circus di Pescara. Il presidente del Consiglio ricorda che in occasione dell'elezione del presidente della Repubblica in una riunione "ho chiesto di non usare Twitter".

"Il consenso politico e la politica con 'p' maiuscola non stanno negli hashtag - aggiunge - Perché alcune realtà hanno scommesso su realizzazione falsi profili, con un sistema reticolare".

GUARDA IL VIDEO Un uomo sviene in sala davanti a Renzi

 

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata