Renzi: Non grido a complotti, ma processo si fa in tribunale non su web

Roma, 19 feb. (LaPresse) - "Tutti i cittadini sono uguali davanti alla Legge. I miei genitori, come tutti, hanno diritto a un processo giusto e spero rapido. Non grido ai complotti: chiedo che i processi si facciano nelle aule dei tribunali e non sul web o nelle redazioni dei giornali. Noi aspettiamo le sentenze, ma le sentenze si pronunciano in tribunale e non nelle piazze populiste". Lo scrive Matteo Renzi nella enews dopo la disposizione da parte della procura di Firenze degli arresti domiciliari per i suoi genitori, Tiziano e Laura Bovoli.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata