Renzi: Noi scafisti di stato? Vergognosa definizione
Renzi risponde all'Austria. Differenze di vedute con la Germania sui migranti ma Merkel: Da Italia gran contributo per hotspot

Su come affrontare la crisi migratoria, tra Germania e Italia "ci sono dei punti su cui non siamo d'accordo, come le forme di finanziamento". Lo ha detto il premier Matteo Renzi durante la conferenza stampa congiunta con la cancelliera tedesca Angela Merkel, a palazzo Chigi. Renzi ha sottolineato che l'Italia continua a sostenere l'idea degli eurobond.

Sul Brennero, la posizione dell'Austria "è contro la logica, contro la storia" ha ribadito Renzi. "Non entro nella campagna elettorale austriaca e non replico dal punto di vista politico. Chi ha visto i bambini morti nelle stive delle navi nel Mediterraneo, chi ha visto partorire sulle navi della Guardia Costiera italiana, sa che sentirsi dare degli scafisti è una frase vergognosa" ha specificato Renzi a una domanda di LaPresse sulla definizione di 'scafisti di stato' usata dal capo dell'Fpo, l'estrema destra dell'Austria, Heinz-Christian Strache, nei confronti di Renzi e Merkel. 

 

Parole di apprezzamento invece da Merkel: " L'Italia ha dato "un grande contributo per la realizzazione degli hotspot", ma l'immigrazione "non è problema solo dell'Italia, non dobbiamo lasciarla sola" ha detto invece la cancelliera tedesca. Sul tema era oggi intervenuto anche il ministro degli Esteri Paolo Gentiloni: " "L'utilizzo della religione come fattore identitario, in senso oppositivo, l'uso dell'identità religiosa contro altre religioni è pericolosissimo. La difesa della libertà religiosa è uno dei cardini della politica estera di un paese democratico come l'Italia" aveva sottolineato "Quando affrontiamo il tema dell'immigrazione nel modo in cui l'Italia sta cercando di affrontarlo, in questo modo c'è la risposta a questo allarme . Quando insistiamo su sicurezza e cultura, quando ci opponiamo a soluzioni facili di violenza, in questo c'è una via giusta di affrontare il problema terrorismo".

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata