Renzi: Lasciamo in pace figlio Salvini, chiedere dimissioni per altro

Milano, 31 lug. (LaPresse) - "Chiediamo le dimissioni di Salvini non per suo figlio, ma per i russi, per i 49 milioni, per l'odio social e per la lacerazione sociale, per l'insicurezza che produce ogni suo intervento, perché non è un ministro ma un influencer. Noi chiediamo le dimissioni di Salvini per questi motivi. Ma lasciamo stare suo figlio. Dimostriamo ai populisti che noi siamo civili, che noi non educhiamo all'odio, che noi semplicemente non siamo come loro". Così su Facebook il senatore Pd ed ex premier, Matteo Renzi, dopo aver fatto due premesse. "Premessa numero 1. Se avessi utilizzato i mezzi e gli uomini delle forze dell'ordine per far divertire i miei figli, Lega e Cinque Stelle mi avrebbero massacrato. Massacrato. Avrebbero chiesto - sottolinea - le mie dimissioni tutti, dai social a Travaglio. Avrebbero occupato i banchi del Governo e Di Battista avrebbe marciato su Palazzo Chigi. La Meloni e Salvini avrebbero organizzato sit-in sotto le caserme e i commissariati di Firenze e i profili social dei miei figli sarebbero stati presi d'assalto da insulti e minacce". "Premessa numero 2. Matteo Salvini - aggiunge - sta distruggendo la reputazione del Viminale con interventi sguaiati, modalità rozze, scelte controproducenti. Continuo a pensare che sia stato un autogol dell'opposizione non aver discusso in tempo la mozione di sfiducia per i suoi rapporti con la Russia e per le sue parole d'odio. Fatta la premessa 1 e fatta la premessa 2, può sembrarvi strano quello che sto per scrivervi. Ma credo sia giusto essere molto franchi tra di noi: vi prego, dimostriamo che noi siamo diversi dalla propaganda sovranista, lasciamo in pace il figlio di Salvini. Suo padre ha commesso un errore pazzesco: ha messo in difficoltà in un colpo solo la Polizia, il figlio e la reputazione del Viminale. Ha trasformato dei professionisti della sicurezza in baby sitter e ha costretto agenti della Polizia a fare una pessima figura con la stampa libera e democratica di questo Paese. Ma quel ragazzo è un minorenne che ha diritto di vivere la sua vita e non pagare per le idiozie del padre. So cosa significa vivere in una famiglia che soffre per le scelte politiche di qualcuno. Mia moglie è stata massacrata sui social persino per il suo golfino, il giorno delle dimissioni. Vi prego, dimostriamo che noi siamo diversi da questi professionisti dell'odio".

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata