Renzi apre a modifiche all'Italicum ma la minoranza dem non ci sta
Il segretario del Pd e presidente del Consiglio cerca di tenere uniti i suoi in vista del referendum sulle riforme

Quella che doveva essere la resa dei conti all'interno del Pd è stato un intenso ma non risolutivo faccia a faccia tra i maggiori leader all'interno del partito. Come annunciato in questi giorni dai quotidiani, Matteo Renzi ha aperto a una modifica dell'Italicum che Roberto Speranza ha bocciato come "non sufficiente" e che Gianni Cuperlo ha invitato a concretizzare in "una proposta" di tutto il partito da fare "a giorni" e non dopo il referendum. In sostanza il presidente del Consiglio-segretario ha aperto, ieri,  a una "discussione profonda dopo il periodo elettorale" su ballottaggio, premio alla lista e metodo di elezione dei parlamentari. I tre pilastri dell'Italicum, insomma, non sono più "paletti", come riassume il capogruppo della Camera Ettore Rosato.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata