Referendum, Renzi attacca fronte 'No': Personalizzate scontro
E sul bicameralismo: "Ma davvero vogliono mantenere tutte queste poltrone?"

Il presidente del Consiglio Matteo Renzi ha nuovamente parlato del referendum: "Personalizzare lo scontro non è il mio obiettivo, ma quello del fronte del No che, comprensibilmente, sui contenuti si trova un po' a disagio: ma davvero vogliono mantenere tutte queste poltrone? Questo bicameralismo che non volevano nemmeno i costituenti e che furono costretti ad accettare per effetto dei veti incrociati? Questa confusione insopportabile sulla materia concorrente tra Regioni e Stato centrale?" ha detto Renzi nella sue e-news.

E ovviamente la discussione politica verte anche sul voto spalmanto su due giorni: "Giudichiamo positivamente, lo avevamo chiesto per primi e in tempi non sospetti, la possibilità di votare in due giorni tanto alle elezioni amministrative di giungo quanto al referendum costituzionale del prossimo ottobre" scrive su Facebook Renato Brunetta, capogruppo di Forza Italia alla Camera dei deputati. "Peccato - aggiunge - che questa incredibile retromarcia di Matteo Renzi sia del tutto strumentale e non sia fatta dal presidente del Consiglio per favorire la democrazia o la partecipazione, ma con il solo scopo, secondo lui, di portare acqua al suo mulino. Il premier ha paura, e crede che votando in due giorni, con una probabile diminuzione dell'astensionismo, il 'sì' possa essere favorito. Si sbaglia di grosso". "Per di più Renzi, dal ruolo istituzionale che ricopre e che gli dovrebbe imporre maggior equilibrio, tifa partecipazione o astensione in base al tornaconto personale suo e dello sgangherato governo che pro tempore guida - scrive ancora Brunetta - In occasione del referendum sulle trivelle si guardò bene, nonostante gli innumerevoli appelli, a concedere il voto anche nella giornata del lunedì, concorrendo così al non raggiungimento del quorum, decisivo per una consultazione abrogativa. Adesso, in vista del referendum costituzionale di ottobre, cambia completamente atteggiamento e, smentendo se stesso, propone, insieme al suo ministro dell'Interno, Angelino Alfano, il voto in due giorni".
 

 


 

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata