Referendum, Freccero: Governo occupa tv e aggira par condicio
"Maggioranza sta subdolamente utilizzando campagna per le amministrative per parlare del voto di ottobre"

"La campagna referendaria è  già in atto.  Il governo ha anticipato la propaganda aggirando le regole della par condicio. La questione è seria e credo che il Cda Rai debba porre il problema all'attenzione della commissione di Vigilanza". Lo afferma Carlo Freccero, membro del consiglio d'amministrazione di Viale Mazzini, in una intervista a Il Fatto quotidiano, in merito all'occupazione degli spazi televisivi da parte di chi e' a favore del Si' al referendum costituzionale di ottobre. Freccero ha visto Napolitano da Fazio e Maria Elena Boschi da Lucia Annunziata? "Certo, e sono rimasto basito. La maggioranza sta subdolamente utilizzando la campagna per le Amministrative, di cui a Renzi non frega nulla, per parlare del voto di ottobre. È una tecnica molto raffinata per aggirare la par condicio (che scattera' a 45 giorni dal voto, ndr). Una vera occupazione della tv da parte di Palazzo Chigi. Servono regole e, visto che si tratta di tema referendario, il tempo non deve essere tripartito tra governo, maggioranza e opposizione, ma tra i sostenitori del Si' e del No, 50%". Sulla chiusura dei talk show Freccero sostiene: "Ho molta stima della direttrice di Rai2 Dallatana. Non vorrei, pero', che la decisione di chiudere 'Virus' abbia come obiettivo la chiusura di 'Ballaro''. Uno a destra e uno a sinistra".
 

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata