Referendum, Anpi: Ok a confronto con premier Renzi
Sarà una "buona occasione per fornire un esempio di discussione civile sul merito"

Il presidente dell'Anpi Smuraglia 'depone le armi' e accetta un confronto sul referendum con Renzi. "Poiché la questione principale dibattuta nel corso dell'estate, circa la libertà, senza limitazioni, dell'ANPI di usufruire di spazi all'interno delle Feste dell'Unità, appare sostanzialmente e ragionevolmente risolta, con la ricezione delle posizioni sostenute dalla nostra Associazione (come da intese raggiunte a Bologna, Reggio Emilia ed in altre sedi, che logicamente varranno per tutte le situazioni ancora pendenti, in varie parti d'Italia), non sussistono motivi di sorta per non accettare l'invito del Segretario del Pd, Matteo Renzi, rivolto al Presidente nazionale dell'ANPI, Carlo Smuraglia, per un confronto pubblico sul referendum", si legge in una nota dell'Anpi.

"Naturalmente, sede, data, modalità di svolgimento e scelta del moderatore (o della moderatrice) dovranno essere concordate, in breve tempo, tra i rispettivi organismi a ciò delegati, in modo da garantire paritarie condizioni di imparzialità e linearità del dibattito - precisa la nota -  Se esso potrà essere realizzato, appunto, con modalità concordate, come ci auguriamo, rappresenterà anche una buona occasione per fornire un significativo esempio di civile confronto sul merito, dimostrando che anche su temi particolarmente delicati si può democraticamente confrontarsi; con evidente vantaggio per l'intera campagna referendaria".

 

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata