Rai, bocciato Piano informazione del dg Campo Dall'Orto
Il consigliere Messa ha deciso di abbandonare l'incontro: "E' venuta meno la fiducia nell'operato del direttore generale"

Bocciato dal Cda della Rai il piano dell'informazione del direttore generale, Antonio Campo dall'Orto. E' quanto apprende LaPresse mentre è ancora in corso la riunione del Consiglio di amministrazione di viale Mazzini. 

Il consigliere della Rai Paolo Messa, secondo quanto apprende LaPresse, ha lasciato la riunione del Cda, in corso ancora a viale Mazzini, "dopo aver espresso  la sua sfiducia nell'operato" del direttore generale Antonio Campo dall'Orto per le questioni legate all'Anac.

Il consigliere Mensa ha commentato così la decisione: "Non credo giova alla Rai un conflitto permanente ed una situazione di sostanziale paralisi. In questi mesi ho rappresentato una posizione critica sulla gestione aziendale e in particolare sulle vicende che sono state oggetto di una delibera dell'Anac. Purtroppo le mie critiche e le mie proposte non hanno trovato riscontri. Credo sia un dovere, anche per rispetto dello stesso Campo Dall'Orto, trarne le conseguenze ed ammettere che sono venute a mancare le condizioni a base del rapporto di fiducia con il direttore generale". 

MAGGIONI CONTRARIA. Anche Monica Maggioni, presidente della Rai, ha votato contro il piano dell'informazione del dg Campo Dall'Orto. Nel consiglio di amministrazione c'è stato un solo favorevole, Guelfo Fuelfi, due astenuti, Carlo Freccero e Marco Fortis, e cinque contrari, Franco Siddi, Rita Borioni, Giancarlo Mazzuca, Arturo Diaconale. Paolo Messa aveva abbandonato la riunione prima del voto sul piano dell'informazione.

OK AL PIANO PRODUZIONE E TRASMISSIONE. Ok all'unanimità del consiglio di amministrazione della Rai ai piani di produzione e trasmissione 2017 per i canali generalisti e specializzati. Secondo quanto si apprende, il cda, in corso dalle 9 di questa mattina, dovrebbe sciogliere il nodo dei compensi agli artisti, necessario per l'approvazione dei palinsesti.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata