Quirinale, Saltamartini: Lascio Ncd, non più sostenibile appoggio a Renzi

Roma, 2 feb. (LaPresse) - "Oggi dopo aver incontrato il presidente di Ncd, Angelino Alfano, ho deciso di lasciare il Partito". Lo afferma, in una nota, la deputata Ncd Barbara Saltamartini. "Una scelta difficile e sofferta - prosegue - ma coerente con gli obiettivi che mi ero posta quando ho contribuito alla fondazione del Nuovo Centrodestra. Una scelta maturata dopo l`ennesimo strappo compiuto dal premier Renzi che, sia chiaro non sulla scelta del nome del Presidente Mattarella, ma nel metodo ha imposto agli alleati una decisione presa solo con il Partito Democratico e che Ncd ha avvallato alla 4a votazione, chiudendo così il dialogo aperto con altre forze di centrodestra".

"Con Alfano - osserva Saltamartini - ci siamo confrontati sul piano politico su quanto fatto dalla nascita del nostro progetto, e dunque sulle successive sfide che il partito intende portare avanti. Restano inalterati i buoni rapporti personali, ma oggi la linea politica espressa dal presidente Alfano non rispecchia più il progetto che avevamo presentato agli italiani. Costruire un`aggregazione di centrodestra in grado di poter rappresentare i milioni di elettori che non votarono il Pdl alle ultime elezioni politiche del 2013 e garantire, con il governo Letta, la stabilità necessaria per poter superare la grave crisi economica che l`Italia stava attraversando, sono stati i presupposti per la nascita del nuovo partito nei quali mi sono ritrovata. Con l`avvento di Matteo Renzi tutto è cambiato. E` arrivata la velocità negli annunci ma pochi fatti, il presidente del Consiglio ha imposto un metodo non rispettoso verso gli alleati di Governo, ha fatto prevalere gli interessi del PD anteponendoli a quelli degli italiani che sono in attesa di quelle riforme economiche e sociali urgenti per uscire rapidamente dalla crisi". "In tal senso - conclude Saltamartini - la linea di continuare a sostenere questo governo, che oggi mi ha riconfermato Alfano, per quanto mi riguarda non è più sostenibile".

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata