Quagliariello (Pdl): Non porre inutili veti e unire il partito

Roma, 15 dic. (LaPresse) - "Si è improvvisamente aperta la prospettiva dell'unificazione dei moderati". Lo scrive Gaetano Quagliariello, vicecapogruppo vicario del Pdl al Senato, in una lettera sul Corriere della Sera di oggi. "I nostri interlocutori in campo politico e sociale - osserva - possono decidere di farsi trovare pronti all'appuntamento, oppure possono restare avviluppati nei tatticismi. Possono cogliere la posta in gioco, oppure possono lasciare che i veti e le rendite di posizione restringano l'orizzonte potenziale rendendolo ancora una volta asfittico e minoritario. In più occasioni Berlusconi è stato accusato di anti-europeismo: oggi che ha assunto un impegno in sede europea è il momento di costruire e non di inseguire inutili veti, altrimenti l'ambizione di un grande progetto federatore rischia di scadere nella edificazione di un ulteriore piccolo centrino". Secondo Quagliariello "per capire se la sinistra può ancora essere sconfitta bisognerà avere delle risposte. Innanzi tutto da Mario Monti, ma anche dal mio partito. Questo - spiega - è il senso della manifestazione di domani a Roma al Teatro Olimpico: indicare principi, programmi, prospettive. Restare uniti - conclude la lettera - per preservare quella vocazione maggioritaria che rischiamo di smarrire per sempre".

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata