Puglia, l'assessore Caracciolo si dimette: è indagato per corruzione
Il candidato per il Pd alla Camera è accusato anche di turbativa d'asta

L'assessore all'Ambiente della Regione Puglia e candidato per il Pd alla Camera, Filippo Caracciolo, indagato per corruzione e turbativa d'asta, ha comunicato al governatore Michele Emiliano la sua decisione di rimettere le deleghe. Tale decisione, fa sapere una nota della Regione, "è motivata esclusivamente dall'intento di tutelare l'amministrazione regionale e di consentire una serena prosecuzione delle indagini" relative ad una gara d'appalto per 5,8 milioni di euro per la costruzione di una scuola media a Corato.

Emiliano ha deciso di assegnare le deleghe (Qualità dell'ambiente-ciclo rifiuti e bonifiche, rischio industriale, ecologia, vigilanza ambientale) all'assessore al Bilancio, Raffaele Piemontese.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata