Provvedimento prescrizione passa in Senato: ecco cosa prevede

Roma, 24 mar. (LaPresse) - L'aula della Camera dà il via libera alla riforma dei tempi della prescrizione con con 274 voti favorevoli e 26 contrari. Area popolare che in commissione Giustizia aveva fatto fronte comune con Forza Italia contro il ddl oggi, grazie alle aperture del ministro della Giustizia Andrea Orlando, che ha prospettato delle modifiche in seconda lettura in Senato, si è astenuta. Restano comunque ancora distanti le posizioni di Pd e Ap (Ncd e Udc) sulla durata dei termini per alcuni reati contro la pubblica amministrazione (corruzione propria e impropria e in atti giudiziari). Tra i rilievi, i tempi eccessivamente lunghi della prescrizione nei casi di corruzione. Ecco come cambia la prescrizione.

Prescrizione corruzione. Il termine di prescrizione base dei reati di corruzione propria e impropria e in atti giudiziari aumenta della metà. Per esempio, per la corruzione ex art. 319 portata dalla legge Severino fino a 8 anni, il processo dovrà intervenire entro 12 anni pena l'estinzione del reato.

Fermo lancette dopo condanna. La prescrizione resta sospesa per due anni dopo la sentenza di condanna in primo grado e per un anno dopo la condanna in appello. La sospensione però non vale in caso di assoluzione.

Casi di sospensione. Oltre alle ipotesi già previste dal codice, la prescrizione sarà sospesa anche nel caso di rogatorie all'estero (6 mesi), perizie complesse (3 mesi) e istanze di ricusazione.

Prescrizione differita per minori. In linea con le convenzioni internazionali e gli ordinamenti europei, per i più gravi reati contro i minori (violenza sessuale, stalking, prostituzione, pornografia etc.) la prescrizione decorre dal compimento del quattordicesimo anno.

Entrata in vigore. Le nuove norme, dato che la prescrizione ha valore sostanziale, si applicano ai reati commessi dopo l'entrata in vigore della legge.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata