Primo maggio, Mattarella contro caporalato. Sindacati: Renzi si occupi di lavoro
"Un Paese che esclude i giovani si condanna da solo" ha detto il capo dell Stato. Camusso: "Abbattere precarietà". Scontri a Torino

"Un Paese che esclude i giovani, o li inserisce nel mondo del lavoro in modo precario e inadeguato, si condanna da solo. Un Paese che non riuscisse a includere i giovani è un Paese fermo". Così il presidente della Repubblica Sergio Mattarella durante la celebrazione della Festa del Lavoro al Quirinale. "La generazione più istruita di tutte quelle precedenti è posta a margine proprio dalla società e dal mercato che pretendono più conoscenze e saperi", spiega il capo dello Stato.

NON POSSIAMO ACCONTENTARCI. "Il 2015 è stato un anno di ripresa seppur contenuta" e il "2016 sarà ancora un anno di crescita moderata. Nell'anno passato i valori macroeconomici hanno avuto segno positivo ed è salito il numero di occupati". Ma "non possiamo accontentarci di numeri ancora limitati rispetto alla dimensione dei problemi da risolvere". Particolare attenzione e forza, poi, va posta nella lotta al caporalato, fenomeno che colpisce troppo spesso gli immigrati. 

SENZA LAVORO, CITTADINANZA MUTILATA. "Creare occasioni di occupazione a sufficienza perché la cittadinanza sia piena e non mutilata è un impegno costituzionale vivo e attuale che costituisce una spinta incessante a istituzioni, imprese, forze sociali e sindacati per fare sempre più e sempre meglio", ha aggiunto."Alcune misure" per lo sviluppo "sono state adottate, su altre è avviato il confronto, non entro nel merito degli opportuni aggiustamenti al sistema previdenziale o del riordino del sistema fiscale, mi limito a osservare che tutto va orientato alla ripresa della occupazione"

VITTIME ALL'ESTERO E SUL LAVORO. Il presidente Mattarella ha anche ricordato, nel suo intervento al Quirinale, le giovani vittime del programma Erasmus in Spagna, quindi Valeria Solesin, uccisa durante l'attentato al Bataclan di Parigi, e infine Giulio Regeni, il ricercatore torturato e ucciso al Cairo. "Voglio accomunare" nel ricordo "le ragazze morte nell'incidente in Catalogna" ai "due giovani ricercatori Solesin e Regeni perché amavano ciò che facevano e pensavano alla serietà nello studio" come a "una strada per un lavoro utile nella società", ha spiegato. Prima dell'intervento, il capo dello Stato ha ha deposto una corona sul monumento dedicato alle vittime del lavoro davanti alla sede centrale dell'Inail, in piazzale Giulio Pastore, a Roma.

GENOVA E TORINO. E' Genova quest'anno il cuore delle celebrazioni per la festa del Primo Maggio. I sindacati infatti hanno scelto il capoluogo ligure per la tradizionale manifestazione nazionale: circa tremila, non tantissimi in veritò, i partecipanti al corteo della manifestazione di Cgil, Cisl e Uil tra piazza della Vittoria e piazza De Ferrari. "Il Governo si occupi del lavoro" è il coro unanime dei confederali. La segretaria della Cgil ha invitato ad abbattere tutte le "forme di precarietà del lavoro". Scontri, invece, a Torino tra manifestanti e forze dell'ordine stamattina in piazza Castello durante il tradizionale corteo del Primo Maggio.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata