Primarie, Meloni: Per Berlusconi regola indagati non deve valere

Roma, 24 nov. (LaPresse) - "Sono d'accordo con Alfano: non bisogna candidare gli indagati alle primarie del Pdl. Ma la regola sugli indagati alle primarie ancora non c'è, deve essere stabilita. Tant'è che io ho chiesto che questo principio valga anche per le politiche". Lo ha detto l'ex ministro Giorgia Meloni, nel corso del programma 'Un giorno da pecora' su Radio2. "Credo che per Berlusconi - ha aggiunto l'esponente del Pdl - questa regola non debba valere perché lui ha avuto una vicenda particolare con la magistratura". "Al netto della vicenda di Berlusconi - ha detto ancora Meloni - credo che ci sia diversa gente che si è nascosta dietro Berlusconi e ha pensato che siccome il Pdl aveva il 'problema Berlusconi' questo partito dovesse garantire impunità".

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata