Preside alla scuola e medico alla Sanità. Ecco i 18 ministri di Di Maio
Molte donne. Nomi più e meno noti. Bonafede alla Giustizia, Paola Giannetakis agli Interni, Emanuela Del Re agli Esteri

"Questo non è un governo di tecnici, è sbagliato dire così. Sono persone che conoscono la materia di cui vanno a occuparsi ma hanno testa e cuore. Non sono semplicemente persone che fanno quadrare i conti. Sono 18 ministri con donne in ruoli chiave. La nostra proposta di governo ha una guida politica che è il premier". Così il leader M5S Luigi Di Maio alla presentazione dei candidati ministri Cinquestelle all'Eur di Roma.

E il candidato premier a 5 stelle annuncia  a uno a uno i candidati (diciassette più lui stesso) del suo potenziale governo a 5 stelle. Si tratta di: Salvatore Giuliano e Armando Bartolazzi, scelti rispettivamente per l'Istruzione e per la Sanità, di Andrea Roventini per l'Economia Arrivano, poco dopo, Alfonso Bonafede alla Giustizia (nome di cui si parlava) e Paola Giannetakis per il Ministero degli Interni. E poi, in ordine sparso: Emanuela Del Re agli Esteri, Riccardo Fraccaro ai Rapporti con il Parlamento, Domenico Fioravanti allo Sport, Elisabetta Trenta alla Difesa, Mauro Coltorti ai Trasporti, Alberto Bonisoli ai Beni Culturali, Giuseppe Conte alla Pubblica Amministrazione, Filomena Magno alla Qualità della Vita, Alessandra Pesce all'Agricoltura, Pasquale Tridico al Lavoro, Lorenzo Fioramonti allo Sviluppo Economico, Sergio Costa all'Ambiente

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata