Prescrizione, Bonafede: Non accetto ricatti e minacce da nessuno, vado avanti

Roma, 2 feb. (LaPresse) - "Da Ministro della Repubblica ho sempre ritenuto fosse fondamentale lavorare e tenere i toni bassi, soprattutto nel rispetto dei cittadini a cui non interessano gli schiamazzi politici che tentano di colmare il vuoto dei fatti con le parole. Continuo a pensarla così. Ma ci sono anche momenti in cui, senza rispondere nel merito alle provocazioni che hanno soltanto lo scopo di ricordare agli altri la propria 'esistenza politica', vanno almeno precisate alcune minime regole per non abusare della pazienza dei cittadini". Lo scrive su Facebook il ministro della Giustizia, Alfonso Bonafede, rispondendo alle parole di Matteo Renzi dalla prima assemblea nazionale di Italia viva. "Ho dato disponibilità a fare tutti i vertici necessari per dialogare, senza pregiudizi, e per apportare miglioramenti alle varie norme sulla giustizia. Infatti, sono state vagliate e sono ancora al vaglio diverse proposte per garantire certezza e celerità dei tempi - prosegue -. Continuerò a farlo perché é giusto che sia così. Questo è l'unico metodo possibile in un governo con diverse forze politiche. Ed è un metodo che dovrebbero rivendicare e difendere tutte le forze di maggioranza. Ma sia chiaro: non accetto ricatti e minacce da nessuno. E vado avanti", sottolinea. (Segue)

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata