Ponte Genova, Osservatore Romano: Promesse non mantenute

Milano, 12 ago. (LaPresse) - "A un anno dal tragico crollo del Ponte Morandi, che ha causato 43 morti, si fanno i primi bilanci nonostante che le indagini sulle cause del disastro siano ancora in corso. E si rivive lo choc e il dolore attraverso i racconti dei sopravvissuti, dei parenti delle vittime e degli sfollati". Lo scrive l'Osservatore Romano, a un anno dalla tragedia di Genova. Il quotidiano della Santa Sede sottolinea però che "tante promesse restano mancate: a un mese dal crollo il ministro dei Trasporti Danilo Toninelli annunciava la nascita di una task force mai vista fino a oggi per monitorare le infrastrutture nazionali e verificarne lo stato di salute. Sulla carta, il nuovo pool sarebbe stato operativo già a dicembre dello scorso anno, ma non è stato così. Non è andata meglio neanche per la creazione della banca dati che dovrebbe garantire all'Agenzia nazionale per la sicurezza delle ferrovie e delle infrastrutture stradali (Ansfisa) input millimetrici", aggiunge l'Osservatore Romano.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata