Pensioni, Damiano (Pd): Rigidità in uscita danneggia anche imprese

Roma, 30 set. (LaPresse) - "Proseguono le audizioni della Commissione Lavoro della Camera sulla flessibilità in uscita. L'incontro odierno con Confindustria e Ania ha avuto un andamento positivo perché anche queste associazioni delle imprese hanno confermato l'importanza di adottare qualche forma di flessibilità nel sistema pensionistico". Lo afferma Cesare Damiano, presidente della Commissione Lavoro della Camera.

"Si è anche insistito - continua Damiano - sulla ricerca di una soluzione che preveda un livello equo di penalizzazione per chi decide di andare in pensione e sulla fissazione di un'età 'baricentrica' certa, che per noi è i 66 anni".

"È evidente che l'uscita ritardata ha comportato problemi non solo per i lavoratori, ma anche per le imprese con l'aumento dell'età media dei dipendenti e con un processo di invecchiamento della manodopera che non favorisce l'innovazione del sistema produttivo", conclude Cesare Damiano.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata