Pedofilia, Mattarella auspica inchiesta ampia rapida e severa
Ieri è stato arrestato Raimondo Caputo ritenuto il possibile assassino di Fortuna Loffredo di 6 anni

Sui crimini della pedofilia, il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, auspica che vi sia un'inchiesta "rapida, ampia e severa". È quanto si apprende negli ambienti del Quirinale.

Anche se le parole del capo dello Stato non lo citano direttamente, sembra evidente un riferimento al caso dell'omicidio della piccola Fortuna Loffredo, morta dopo essere caduta dal sesto piano a Napoli nel giugno 2014. Ieri è stato arrestato Raimondo Caputo, compagno di una vicina di casa, amica della mamma della piccola Fortuna, già noto alle forze dell'ordine per precedenti di abusi sessuali.

L'arrestato, ritenuto il possibile assassino di Fortuna Loffredo, era il compagno della madre di un'altra vittima, Antonio Giglio, il bambino di 3 anni caduto dalla finestra di casa sua nel 2013. "Ci auguriamo che la giustizia non abbia nessuna pietà nei confronti di questi criminali. La tragedia di Fortuna ha salvato tanti altri bambini: infatti abbiamo scoperto altri 4 casi di minori abusati. Il nostro obiettivo è andare fino in fondo e arrivare a sentenza", ha aggiunto il legale della famiglia Loffredo.
 

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata