Pd, Renzi: Veto su fiscal compact se confermato segretario
Sulla legge elettorale: "Ok collegi e governabilità, ma ora propongano altri"

Roma, 9 apr. (LaPresse) - "Se diventerò segretario la posizione del Pd sarà quello di mettere un veto all'inserimento del fiscal compact nei trattati istitutivi dell'Unione europea ". Lo ha detto Matteo Renzi, ex premier e candidato alla segreteria Pd, nel corso della convenzione nazionale dem. Sul tema legge elettorale, Renzi ha aggiunto: "Bene collegi e governabilità, ma se tutti si mettono d'accordo per dire no ogni nostra proposta, dico che ora tocca a loro fare una proposta e non dire solo dei no".  

Secondo Renzi "quello che è accaduto in settimana" con l'elezione di un esponente di Salvatore Torrisi (Ap) alla presidenza Commissione Affari Costituzionali in luogo del candidato Pd, "è di una gravità enorme. E' la dimostrazione che in Parlamento, in questo momento c'è la stessa maggioranza che ha detto No al referendum". 

"IL NOSTRO SELFIE".  "Il congresso è come farsi un selfie tra di noi ma poi andiamo avanti", ha detto ancora l'ex premier. "Io mi sono dimesso perché tocca al leader assumersi la responsabilità delle sconfitte. Quelli che quando perdono danno la colpa agli altri e cercano capri espiatori sono dei quaquaraquà", ha dichiarato Renzi.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata