Pd, Orlando attacca: Passare da io a noi, sbagliato anche sul bonus
Il ministro della Giustizia è intervenuto all'assemblea che ha incoronato di nuovo Renzi segretario

"Dobbiamo passare dall'io al noi. Dobbiamo essere il partito dove ci si iscrive al partito e non alle correnti". Così il ministro della Giustizia, Andrea Orlando, parlando all'assemblea del Pd in corso all'Hotel Marriott di Roma. "Don Milani diceva che dare parte uguali a persone diverse è la massima delle ingiustizie. Allora cari compagni e amici, abbiamo sbagliato anche sui bonus", ha attaccato. E ancora: "Mi sono battuto con tutte le mie forze contro la scissione, perché la ritengo un errore drammatico, come tutte le sciossini. Ma tra Berlusconi e Bersani continuo a preferire Bersani, non a tutti i costi però". 

Altro tema la legge elettorale. "Sono sicuro che Grillo, Salvini e Berlusconi hanno interesse a tenere questa legge, ma sono convinto che non sia questo interesse del paese e del partito democratico". "Non mi rassegno a infinite sequenze delle larghe intese - ha proseguito - perchè giustificare un'alleanza con la destra è praticamente impossibile". Sulla legge elettorale "vedo una strada: una legge - è la ricetta di uno dei due avversari di Matteo Renzi alle primarie - di cui noi assumiamo una iniziativa, mettiamo dei punti sintetici in fila e proviamo a vedere chi è disponibile a ragionare con noi su questo".

"Dopo mamma, che in Italia viene prima di tutto, mi piacerebbe che tra quelle parole ci fosse sempre - ha chiarito Orlando - la parola Europa" perché questa "è la dimensione minima per una battaglia di giustizia sociale".

 

 

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata