Pd, Emiliano: Primarie? I non dem mi votino per mandare via Renzi
Il governatore della Puglia si rivolge ai non tesserati che "vogliono togliersi dai piedi" l'ex premier

"Tutti possono votare, anche chi è del Pd e non è tesserato". Lo dice il governatore della Puglia, Michele Emiliano, in una intervista col direttore di Telenorba, Enzo Magistà, invitando di fatto al voto anche i 'non dem'. "Se qualcuno vuole togliersi Emiliano dai piedi - aggiunge - può votare Renzi. Se qualcuno vuole togliersi dai piedi Renzi, però, può votare Emiliano".

Intanto Khalid Chaouki, deputato Pd e coordinatore intergruppo immigrazione, ha deciso di schierarsi apertamente per la candidatura del governatore pugliese. "Credo convintamente che Michele Emiliano possa essere per storia personale, senso delle istituzioni e coraggio umano il segretario giusto di cui oggi il Partito Democratico ha un disperato bisogno"

"Mi sono appassionato alla politica da giovanissimo - continua Chaouki - e ora sono in Parlamento in nome e per conto di un'Italia che ci ha chiesto a gran voce diritti di cittadinanza e lotta alle disuguaglianze. Non avrei mai immaginato, però, di soffrire così tanto come in questi ultimi anni di gestione renziana del Pd, durante i quali gran parte di queste battaglie 'scomode' sono rimaste ai margini della narrativa dell'ex segretario. Con Emiliano credo che finalmente abbiamo l'occasione di ricostruire un Partito democratico diverso; capace di ascolto e inclusione, un partito di nuovo in grado di attrarre i miei coetanei e i ragazzi più giovani, un partito vero e popolare, vicino ai più deboli e a chi non ha voce nell'attuale Pd e nelle Istituzioni".

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata