Pd, Calenda rivela: "Mia moglie è malata, ecco perché sono 'sparito'"
La compagna è affetta da leucemia ed è in ospedale per il trapianto. Ma l'ex ministro assicura: "Continuerò a combattere per le mie idee e contro questo governo"

Attivissimo, come sempre, su twitter ma assente da eventi pubblici. Carlo Calenda spiega via social network il momento difficile che sta trascorrendo mettendosi a nudo con sincerità. Per farlo l'ex ministro dello Sviluppo Economico ha aspettato che la partita Ilva fosse chiusa. "Devo una spiegazione, ai tanti che chiedono perché non vado alle feste dell'unità o a incontri sul territorio. Mia moglie ha avuto una recidiva della leucemia ed è in ospedale per trapianto. Seguo i tre bimbi e lei e non posso allontanarmi da Roma", racconta. Una battaglia che l'esponente del Pd e la compagna Violante hanno "da tempo" deciso di vivere alla luce del sole parlando apertamente della malattia "e di non tenerla nascosta come fosse una colpa. Così ci regoliamo io e Viola, nel rapporto tra di noi, con i bambini e con gli altri". Per questo sono arrivate una serie di 'buche' senza spiegazioni a vari inviti, almeno fino ad oggi.

Calenda tesse poi le lodi della moglie raccontandone la forza straordinaria. "Viola vale dieci me. Quando una persona sotto chemio ablativa e in isolamento totale riesce a controllare compiti e lavaggio dei denti dei figli via Skype (anche perché non si fida del marito) siamo su un altro pianeta", dice rispondendo ad un suo follower. Lo scorso aprile Calenda e la moglie erano stati testimoni della 'Race for the Cure'. "Viola ha appena finito di curarsi per un tumore al seno scoperto per tempo. La prevenzione fa la differenza e Il ruolo delle famiglie e dei mariti/compagni è fondamentale durante e dopo le cure", scriveva nell'occasione. La delicata situazione comunque non scoraggia Calenda che non ha nessuna intenzione di uscire dalla battaglia politica. "Oh ma non è che sparisco. Continuo a combattere per le mie idee e contro questo governo", rassicura chi gli chiede lumi in merito. "Dopo figli e moglie e con qualche limitazione in più rimane una priorità. Adelante".
 

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata