Partita aperta per il referendum, Renzi sceglie il 4 dicembre
Il presidente del Consiglio ieri sera in tv: Vogliamo raddoppiare la 14esima alle pensioni minime

Svelata ieri la data del referendum costituzionale: si voterà il prossimo 4 dicembre. Dopo mesi di attesa la Cassazione aveva dato il via libera al quesito ad agosto e il premier Matteo Renzi (intervenuto in televisione dove ha parlato di pensioni minime) ha comunicato in Consiglio dei ministri la scelta del giorno. E non è stata una sorpresa, visto che ormai se ne parlava già da tempo. Si tratta infatti dell'ultima data utile per chiamare alle urne gli italiani, che dovranno valutare la riforma della Costituzione. "Questa Italia, per me, ha bisogno di gente che propone - ha scritto Renzi sulla sua e-news al termine del Cdm - non di gente che urla. E questa Italia deve cambiare, non può rimanere ostaggio dei soliti noti, della solita palude che ha bloccato la crescita dell'ultimo ventennio. Ecco perché ilreferendum costituzionale è fondamentale. E il risultato del referendum non dipende tanto da me, ma da tutti voi".

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata