Palermo, sequestrate 18 tonnellate di deterviso e colla contraffatte

Palermo, 22 ott. (LaPresse) - La Guardia di Finanza di Palermo ha scoperto e sequestrato un ingente carico di detersivi e colla contraffatti, destinati alla successiva rivendita al dettaglio presso negozi ed ambulanti dell'area palermitana. Durante un servizio di controllo economico del territorio nel quartiere Brancaccio, una pattuglia di finanzieri del Nucleo di polizia tributaria di Palermo ha notato un gruppo di persone intente a scaricare da un tir numerosissimi bancali di merce (poi quantificati in 30) che veniva riposta in un magazzino fatiscente senza alcuna insegna commerciale; le circostanze insolite dell'attività, hanno indotto i finanzieri ad intervenire, richiedendo ai presenti la documentazione fiscale e commerciale relativa al trasporto ed alla merce scaricata.

Il sommario esame dei documenti esibiti - riguardanti il trasporto di confezioni di detersivi e tubetti di colla di note case produttrici - ha subito posto in risalto evidenti anomalie, in quanto il luogo in cui stavano avvenendo le operazioni di scarico era diverso da quello di destinazione della merce indicato nei documenti stessi; inoltre, poiché la merce risultava venduta da una società con sede dichiarata in Casalnuovo di Napoli, i militari si sono subito messi in contatto con i propri colleghi campani, apprendendo in tal modo, poco dopo, che la società stessa era in realtà inesistente. Sono scattati quindi ulteriori e mirati approfondimenti volti a verificare la reale natura del carico, anche tramite contatti con le case di produzione proprietarie dei marchi, cui sono stati comunicati i codici identificativi riportati sulle confezioni della merce ed inviati campioni per l'effettuazione di analisi; in tal modo è stato possibile appurare che tanto il detersivo, quanto la colla, così come le relative confezioni ed i marchi apposti su di queste, erano tutti contraffatti. I fustini di detersivo e le confezioni di colla, ammontanti rispettivamente a 8.352 e a 4.800, per un peso complessivo pari a circa 18 tonnellate e che se collocati sul mercato avrebbero fruttato ai responsabili intorno ai 150 mila euro, sono stati sequestrati, così come l'autoarticolato utilizzato per il trasporto della merce; l'autista, palermitano, è stato denunciato a piede libero mentre il destinatario della merce, anch'egli palermitano, è stato arrestato in flagranza di reato per ricettazione e traffico di prodotti contraffatti. Già ad agosto scorso la Guardia di Finanza di Palermo aveva sequestrato, in tal caso a bordo di un autoarticolato sbarcato al Porto cittadino, un altro carico di detersivi contraffatti, per quasi 20 tonnellate.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata