Pace fiscale, trovato l'accordo tra M5s e Lega

Accordo raggiunto tra 5 stelle e Lega sulla pace fiscale. La fumata bianca nell'ultimo vertice a Palazzo Chigi tra il premier Conte, il ministro Tria e i vicepremier Di Maio e Salvini che ha preceduto il consiglio dei ministri. Sul tavolo ci sono sia il decreto fiscale che la legge di bilancio. La sanatoria, con percentuali variabili, varrà solo per i contribuenti che hanno presentato dichiarazione dei redditi, ma con la possibilità di integrare fino ad un massimo del 30% in più rispetto alle somme già dichiarate, con un tetto massimo di 100.000 euro. Questo il compromesso raggiunto nella maggioranza con i pentastellati che non volevano includere nella misura gli evasori. In manovra ci sarà anche il taglio delle pensioni d'oro, da cui ci si aspettano risparmi per un miliardo in tre anni. La riforma della legge Fornero sulle pensioni con quota 100 partirà invece a febbraio