Open Arms, Trenta: Non firmo in nome del diritto e dell'umanità

Roma, 15 ago. (LaPresse) - “Ho deciso di non firmare il nuovo decreto del ministro degli interni volto a negare l'ingresso, il transito e la sosta nelle acque territoriali della nave dell'Ong Open Arms a seguito della sospensiva disposta dal TAR del Lazio sul precedente analogo provvedimento". Così in una nota il ministro della Difesa Elisabetta Trenta.

"Non si può infatti ritenere - si legge nel comunicato - che siano rinvenibili nuove cogenti motivazioni di carattere generale ovvero di ordine e sicurezza pubblica tali da superare gli elementi di diritto e di fatto nonché le ragioni di necessità e urgenza posti alla base della misura cautelare disposta dall'autorità giudiziaria (sussistenza di fumus boni iuris e periculum in mora), che anzi si sono verosimilmente aggravati".

(Segue).

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata