Nozze gay, Giachetti (Pd): Unioni civili? Dobbiamo farle per tutti

Roma, 20 ott. (LaPresse) - "Se sulle unioni civili l'idea del governo è questa, penso sia un'idea sbagliata. Io non sono certo contro i diritti degli omosessuali, ma il problema è il velo di ipocrisia che ammanta questa vicenda. Per me, culturalmente, la questione non è la distinzione tra gay e non, ma tra matrimonio e unioni civili: io sono perché tutti possano contrarre matrimonio, ma se anziché le nozze gay vogliamo fare le unioni civili, beh, allora le dobbiamo fare per tutti. Sarebbe assurdo che per eliminare una discriminazione se ne compisse un'altra". Così il vicepresidente della Camera Roberto Giachetti, in un'intervista al quotidiano 'La Stampa'.

"Si tratta di difendere la scelta di chi non vuole sposarsi. Io non voglio che nessuno sia costretto a farlo per avere diritti fisiologici, naturali, come consentire alla propria compagna di assisterlo in ospedale, o la reversibilità della pensione", prosegue Giachetti. "La polemica tra Alfano e i sindaci? Penso che una normativa sia necessaria proprio per evitare un dibattito surreale su una cosa che non ha alcun valore giuridico. La politica al posto di scannarsi farebbe bene a occupare lo spazio dovuto, anziché delegare ai magistratià E tra un po' arriva pure la Chiesa!".

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata