Nozze gay, Cei: Trascrizione è arbitraria presunzione inaccettabile

Roma, 18 ott. (LaPresse) - "La notizia della trascrizione oggi, in Campidoglio, di matrimoni tra persone dello stesso sesso, avvenuti all'estero, sorprende perché oltre a non essere in linea con il nostro sistema giuridico, suggerisce una equivalenza tra il matrimonio e altre forme che ad esso vengono impropriamente collegate. Una tale arbitraria presunzione, messa in scena proprio a Roma in questi giorni, non è accettabile". Lo dichiara l'ufficio nazionale per le comunicazioni sociali della Cei in una nota.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata