Ncd, l'Occidentale: Lega? Lieti di non averci niente da spartire

Roma, 18 ago. (LaPresse) - "C'era una volta la Lega: un partito di popolo, verace e anticonformista. Un partito dal quale si poteva dissentire ma a cui non si poteva non riconoscere il coraggio di idee anche impopolari e di ancor più impopolari assunzioni di responsabilità. Oggi la Lega è irriconoscibile. Sfigurata dalla brama di vincere facile, ha appeso al chiodo la politica perché ha scoperto che in fondo speculare sulle tragedie e lucrare rendite di posizione su problemi epocali è assai più remunerativo che sporcarsi le mani per contribuire a risolverli. Insomma, si atteggia a una sorta di Msi del terzo millennio senza avere di quella storia il nobile bagaglio di una traversata nel deserto a volontaria distanza dal potere e dalle sue tentazioni". Lo scrive il giornale online del Nuovo Centrodestra, L'Occidentale.

La Lega, prosegue l'Occidentale, "ha poi uno strano modo di stare all'opposizione: invece di rivendicare il ruolo di partito oppositore duro e puro attaccando, come sarebbe naturale, l'ambiguità di una Forza Italia di lotta e di governo che soffre e spudoratamente s'offre, preferisce tenersi buono il potenziale alleato e prendere quotidianamente a calci chi in piena coerenza e senza sbandamenti ha scelto il bene del Paese e da quella strada non si è mai allontanato. Evidentemente per Salvini e compagnia il Nuovo Centrodestra non è un potenziale alleato. Ciò ci conforta e ci solleva, anche in vista delle prossime scadenze regionali. Non solo infatti, come direbbe Furio, la cosa è reciproca. Di più: se questa è la Lega - conclude l'Occidentale - siamo orgogliosi di non averci niente a che spartire".

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata