Napolitano operato al cuore d'urgenza. "Intervento riuscito. Ha tempra forte"
Il presidente emerito (92 anni) ha accusato un dolore al petto. Operato all'aorta al San Camillo di Roma

Grande ansia nel mondo politico italiano per le sorti di Giorgio Napolitano. Il presidente emerito della Repubblica ha accusato nella serata di martedì un malore con forti dolori al petto mentre si trovava in visita alla moglie Clio ricoverata alla clinica Paideia dopo una caduta. L'ex capo dello Stato è stato portato d'urgenza all'ospedale San Camillo di Roma. E alle 22 circa è iniziata un'operazione al cuore nel reparto di cardiologia diretto dal professor Francesco Musumeci. Una operazione molto delicata, resasi necessaria per la dissezione parziale della aorta.

Intorno alle 2 e 30' di notte, il professor Musumeci è uscito dalla sala operatoria e ha fatto sapere che l'intervento è riuscito perfettamente: "È andato molto bene, il cuore ha ripreso e il paziente è in condizioni stabili. Siamo molto soddisfatti e ottimisti. È stato un intervento complesso in quanto il presidente ha avuto una dissecazione dell'aorta. C'è stata un'improvvisa rottura della parte interna dell'aorta con infiltrazione di sangue - ha aggiunto - questa è una sitazioone che richiede un intervento in assoluta emergenza. Era cosciente. Ho parlato con lui spiegandogli tutto quello che avremmo fatto. Ci ha incoraggiato affinché tutto andasse bene. Ora sarà trasferito nel reparto di terapia intensiva. Vedremo il decorso, ovviamente i suoi 92 anni conteranno sul tempo di recupero ma la sua grande tempra lo aiuterà. Mercoledì mattina potremo dire di più", ha aggiunto.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata