Mose, Matteoli: Accuse contro di me false, senato autorizzi indagini

Roma, 4 ott. (LaPresse) - "Sono sorpreso ma sereno per la richiesta di procedere nei miei confronti avanzata al Senato dal Tribunale dei ministri di Venezia. Non avendo mai commesso reati e quindi non essendo stato asservito al Consorzio 'Venezia Nuova', spero di potermi difendere davanti ai giudici in un processo, nel quale le accuse a me mosse si riveleranno del tutto infondate". Lo dichiara il senatore di Forza Italia Altero Matteoli, che afferma di volere che il Senato autorizzi le indagini. "Basta leggere l'interrogatorio - continua Matteoli - svolto in California per rogatoria, con una procedura anomala, forse irregolare e senza la possibilità dell'intervento dei miei difensori, per rendersi conto che il mio accusatore, in modo confuso e contraddicendosi più volte, fa affermazioni insensate, inverosimili e oggettivamente false. Ciononostante, ancor prima che esaminino le carte, chiederò ai colleghi senatori di autorizzare comunque le indagini sul mio conto perché desidero che su questa vicenda sia la magistratura a fare completa chiarezza affinché non restino ombre sul mio operato che è sempre stato volto al perseguimento dell'interesse generale".

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata