Monti lancia l'Agenda Mezzogiorno: Giù Irap, fondo per i giovani

Roma, 1 feb. (LaPresse) - Riduzione dell'Irap "progressiva" ma "drastica", a partire dalle imprese medio-piccole e "dando priorità" a quelle del Sud. E' uno dei sette punti dell'Agenda per il Mezzogiorno del presidente del Consiglio uscente e leader di Scelta civica, Mario Monti, come riporta il sito Internet www.agenda-monti.it. Arriva anche il fondo opportunità per i giovani "a supporto del 40% dei giovani del Sud".

Ecco cosa prevede l'agenda, denominata 'Agenda per il Mezzogiorno. Il Mezzogiorno che sale'.

IRAP, 11,5 MILIARDI IN MENO PER LE IMPRESE: La riduzione dell'imposta regionale sulle attività produttive "implicherà che a livello nazionale le imprese dovranno pagare 11,5 miliardi in meno di Irap al termine della legislatura. Gli effetti saranno consistenti già a partire dal 2014. Le imprese del Sud saranno tra le prime a potersi giovare di questo dimezzamento dell'Irap. Questa riduzione avverrà attraverso la rimozione del monte salari dalla base imponibile Irap e quindi darà un forte impulso all'assunzione dei giovani e al sostegno dell'occupazione nel Mezzogiorno". Prevista anche "la riduzione del cuneo fiscale e contributivo sui rapporti di lavoro" per gli under-30, proseguendo un processo "già avviato dalla legge Fornero".

RISORSE PER EXPORT E TURISMO: Si "prevede di rafforzare le misure di supporto all'export con l'istituzione di una Export bank, che rafforzerà quanto realizzato con il polo Cdp-Sace-Simest. Uno dei mandati chiave di questa Export nank sarà quello di aiutare le imprese del Sud che esportano i loro prodotti e effettuano investimenti all'estero. All'interno della Export bank prevediamo di istituire una 'speciale linea di credito Sud', che supporti con risorse e servizi finanziari imprese del Sud che internazionalizzino le loro attività". Previsto anche un rafforzamento della rete delle agenzie Ice nel mondo e "rafforzeremo il ruolo della cabina di regia per l'internazionalizzazione e un ufficio apposito per il Sud si occuperà di supportare le imprese del Mezzogiorno". Arriva anche l'incentivazione della creazione di fondi di credito di medio-lungo termine e fondi di private equity a supporto degli investimenti e dell'espansione delle imprese del Sud "strozzate dal credit crunch". In particolare, spiega l'Agenda, "proponiamo l'estensione del mandato del Fondo Italiano di Investimento affinchè possa agire da pietra angolare nella creazione di fondi di credito e di private equity. Queste partnership virtuose tra pubblico e privato saranno funzionali a supportare anche piccole e medie imprese del Sud che operino nel settore turistico".

TRASPARENZA P.A. E TOLLERANZA ZERO CONTRO CORRUZIONE: Rafforzamento delle banche dati sui beni confiscati e sequestrati, codici di condotta e norme più severe per la trasparenza dello status finanziario dei funzionari della pubblica amministrazione esposti a conflitti d'interesse. "La trasparenza della pubblica amministrazione e la lotta alla corruzione sono strumenti indispensabili per rilanciare il lavoro e le imprese al Sud. Più in generale vogliamo tolleranza zero contro la criminalità organizzata".

RISORSE PER I GIOVANI MERITEVOLI: L'Agenda parla di "una grande misura innovativa di welfare, finalizzata al sostegno dei giovani bisognosi e meritevoli: il Fondo opportunità giovani. Prevediamo che il Fondo andrà a supporto del 40% dei giovani del Sud". Il Fondo sarà finanziato con risorse erogate dallo Stato a partire dal primo anno delle medie. Le somme versate sul Fondo terranno conto del reddito della famiglia e dei risultati scolastici dei giovani. La dotazione diverrà disponibile al diciottesimo anno di età. Finalità del fondo, spiega l'Agenda, è "di coprire almeno in parte i costi di formazione, o istruzione universitaria, o per mettere su piccole attività economiche" per i giovani provenienti da famiglie con reddito medio-basso.

ASSISTENZA PER GIOVANI CHE CERCANO LAVORO: "Prevediamo che ai giovani che escono da un ciclo scolastico e che non trovano un'occasione di lavoro entro il termine massimo di un certo numero di mesi, il servizio pubblico possa offrire, in collaborazione stretta con organizzazioni private, imprenditoriali e non, un servizio di orientamento scolastico e professionale, una opportunità di apprendistato o di addestramento e, dove possibile, una opportunità di assistenza per avviare un'attività di lavoro autonomo o un'impresa". "Per queste finalità - prosegue l'Agenda - prevediamo la possibilità di attivare il reclutamento straordinario di figure professionali (promotori di opportunità) per i giovani, da inserire nei centri per l'impiego, nelle scuole, nelle università. Inoltre vanno messe in rete tra di loro le banche dati delle Università e dei loro consorzi (come AlmaLaurea) contenenti i curricula dei laureati nelle differenti discipline".

FONDI UE, UTILIZZO INTEGRALE ED EFFICIENTE: "Nei 14 mesi intercorsi fra l'ottobre 2011 e il 31 dicembre 2012 è stata realizzata una spesa certificata di 9,2 miliardi, più di quanto si era speso nei precedenti 58 mesi. L'Agenda Monti propone di puntare a spendere integralmente le risorse comunitarie assegnate all'Italia. Attraverso l'azione del Ministero della Coesione è in atto una riprogrammazione dei fondi Pon per facilitare l'inserimento lavorativo dei giovani e, nel contempo, sostenere lo sviluppo delle filiere produttive del territorio. Nell'ambito del piano di azione Coesione della Regione Campania, sono stati previsti interventi per il potenziamento dell'istruzione tecnica e professionale di qualità, che assegna risorse pari a 50 milioni di euro. A tal fine è prevista la costituzione di tre Poli tecnico-professionali riguardanti: a) interventi per favorire l'apprendimento in contesti applicativi e di laboratorio, anche con l'adeguamento dei laboratori degli istituti tecnici e professionali; b) modelli innovativi di alternanza scuola, formazione e lavoro, anche ai fini dell'orientamento scolastico e professionale, della formazione congiunta dei tutor interni ed esterni alla scuola; c) borse di studio in Italia ed all'estero, per consolidare e rafforzare le competenze tecnico-professionali e di lingua straniera.

MISURE PER IL TURISMO: "Oltre al ventaglio di misure discusse sopra, Con Monti per l'Italia si propone anche di dare attuazione rapida al Piano strategico del turismo approvato dal governo".

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata