Mills: Berlusconi è innocente

Milano, 22 dic. (LaPresse) - "Vorrei sottolineare la totale innocenza del dottor Berlusconi e ribadire che i 600 mila dollari non hanno nulla a che vedere con lui". Lo ha detto David Mills, al termine della sua testimonianza in videoconferenza da Londra, rivolgendosi ai giudici milanesi che oggi erano chiamati a giudicare l'ex premier Silvio Berlusconi, presente in aula, per corruzione in atti giudiziari. "Mi scuso con tutti per i problemi che ho potuto causare - ha aggiunto Mills - la colpa non è sua". Il legale inglese auspica anche che nel corso del processo si chiarisca che Berlusconi è estraneo ai fatti e che "l'accusa è stata mal concepita".

Il legale inglese ha tenuto a fare queste precisazioni perché, a suo avviso, il pm Fabio De Pasquale non gli avrebbe posto "la domanda più importante" cioé "da dove vengono i 600mila dollari" al centro del processo. Il presidente del collegio giudicante, Francesca Vitale ha consentito a Mills di prendere la parola, anche se "non sarebbe rituale" e "nel nostro ordinamento non sono previste dichiarazioni spontanee del testimone". Poi gli ha ricordato che la sua posizione processuale è già stata definita dalla Cassazione, che lo ha prosciolto per intervenuta prescrizione. In primo grado il legale inglese era stato condannato a 4 anni e 6 mesi. Durante la videoconferenza, Mills ha confessato di essersi inventato tutto, per quello che riguarda Silvio Berlusconi, e di vergognarsi per questo. L'avvocato inglese ha spiegato il suo comporamento dicendo che è stato un modo per non pagare le tasse. Ha specificato di non aver mai ricevuto 600mila dollari "in regalo" del gruppo Fininvest tramite il manager Carlo Bernasconi.

Silvio Berlusconi, prima di lasciare il tribunale di Milano, ha stretto la mano e augurato buon Natale al pm Fabio DePasquale, che sostiene l'accusa contro di lui per corruzione in atti giudiziari. Berlusconi in passato era stato molto critico nei confronti del magistrato che aveva definito "famigerato". Il processo Mills, in cui Silvio Berlusconi è imputato per corruzione in atti giudiziari, è stato rinviato al 16 gennaio. La prossima udienza e la successiva, fissata per il 20 gennaio, sarà dedicata a completare l'esame di David Mills, che dovrà rispondere alla difesa Berlusconi. Le date successive sono state fissate per il 21, 26 e 28 gennaio in cui verranno ascoltati i testi della difesa Berlusconi, tra cui Flavio Briatore e l'armatore napoletano Diego Attanasio. Saltano quindi le udienze del 9 e del 14 gennaio e si accorciano i tempi entro cui completare il processo di primo grado prima che intervenga la prescrizione nei primi mesi del 2012.

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata