'No Salvini day', cortei in tutta Italia contro il governo e i tagli all'istruzione

Gli studenti scendono in piazza in tutta Italia per chiedere più fondi per l'istruzione e protestare contro il governo Lega-M5S. Molto partecipati i cortei, organizzati da Udu (Unione degli universitari), dalla Rete degli Studenti Medi e da Uds (Unione degli studenti), a Roma, Milano, Firenze, Verona, Trento, Perugia, Napoli, Bari, Campobasso, Crotone e Messina, e poi domani a Bologna, Taranto e Siracusa. Si protesta contro i tagli decisi dal governo in tema di Istruzione e Ricerca, il sistema dell'alternanza scuola-lavoro e per denunciare la situazione fatiscente dell'edilizia scolastica e il fenomeno dell'abbandono scolastico.

I ragazzi hanno lanciato uova e fumogeni e hanno imbrattato, in particolare a Milano, le vetrine di banche e società con della vernice colorata. A Milano, poi, la protesta ha preso il nome di 'No Salvini Day' ed è andata in scena una contestazione al ministro dell'Interno e alle su politiche per l'immigrazione. Vicino ai giardini Montanelli è stato bruciato un manichino con le sembianze di Salvini e poco più avanti è toccato alle bandiere con la sua effige.

Uova e vernice sono state lanciate contro le vetrine, tra cui quelle di Zara in piazza del Duomo. Tanti studenti indossavano magliette della nave 'Mediterranea' e sui muri lungo il percorso del corte sono apparse scritte per dire basta alle morti in mare. In piazza Missori i manifestanti hanno seguito due diversi percorsi: una parte ha raggiunto il consolato degli Stati Uniti per manifestare solidarietà alla "carovana migrante" che sta raggiungendo con grandi difficoltà il confine tra Messico e Stati Uniti. Un altro spezzone del corteo ha puntato verso via Tirso, zona Ripamonti, dove giovedì sera hanno occupato un ex garage. Intorno alle 13 la manifestazione è terminata.

Più tranquilla la manifestazione a Roma, dove ad accompagnare la marcia degli studenti verso il ministero del'Istruzione è stata la musica. Tanti i pezzi più noti della musica italiana, da Guccini ai Modena City Ramblers a Caparezza, ma anche brani Rolling Stones, degli Scorpions, dei Lynyrd Skynyrd degli Ac Dc hanno accompagnato il corteo. Immancabili anche le note di 'Bella Ciao' e 'Fischia il vento' e l'Internazionale.