Migranti, Salvini: Di Maio? Chiedo rispetto, ci metto la faccia e rischio

Monza, 15 apr. (LaPresse) - "Io rispetto il lavoro del collega Di Maio che si occupa di lavoro e sviluppo economico. Lui si occupa di crisi aziendali e io porto rispetto. Chiedo altrettanto rispetto: di ordine, di sicurezza e confini me ne occupo io. Io ci metto la faccia e rischio personalmente. Se il ministro Di Maio e il ministro Trenta" la pensano diversamente, "me lo dicano in Consiglio dei ministri e faremo una sana e franca discussione. Finché sarò ministro, i porti restano sigillati per i trafficanti di esseri umani". Lo ha detto il ministro dell'Interno e vicepremier, Matteo Salvini, in conferenza stampa in prefettura, a Monza, rispondendo a una domanda sulle parole di Luigi Di Maio al 'Corriere' sui "porti chiusi".

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata