Migranti, Msf: Torniamo in mare con nave norvegese per salvare vite-2-

Milano, 21 lug. (LaPresse) - "Con pochissime navi umanitarie rimaste nel Mediterraneo centrale e gli ultimi residui della capacità di ricerca e soccorso europea irresponsabilmente abbandonati - sottolinea ancora Msf - questo tratto di mare resta la rotta migratoria più pericolosa al mondo. Quest'anno almeno 426 uomini, donne e bambini hanno già perso la vita durante la traversata, 82 dei quali in un naufragio appena due settimane fa. Nei primi sei mesi del 2019, il rischio di annegare è più che raddoppiato rispetto allo stesso periodo del 2018, solo considerando le morti note. Come se non bastasse, le navi commerciali si trovano in una posizione insostenibile, prese tra l'obbligo di soccorrere imbarcazioni in difficoltà e il rischio di rimanere bloccate in mare per settimane per la chiusura dei porti italiani e l'incapacità degli Stati europei di concordare un meccanismo per gli sbarchi".

Secondo Msf, "il conflitto che da oltre tre mesi infuria in Libia nell'area di Tripoli ha costretto oltre 100.000 persone a lasciare le proprie case e ha trasformato i centri di detenzione arbitraria per rifugiati e migranti in trappole mortali. Totalmente esposte al conflitto, le persone rinchiuse nei centri senza possibilità di fuga temono per la loro vita dopo che diversi attacchi hanno causato circa 60 morti. Le evacuazioni umanitarie sono frammentarie e inadeguate, e il pericoloso viaggio nel Mediterraneo resta una delle uniche vie di fuga possibili. Nel frattempo, i governi europei violano gli obblighi legali e umanitari che loro stessi hanno firmato, offrendo sempre maggiore supporto alla Guardia costiera libica per riportare forzatamente in Libia persone vulnerabili - in alcuni casi proprio nei centri dove le persone vengono uccise a colpi d'arma da fuoco o dai bombardamenti, come testimoniato dai tragici eventi nel centro di Tajoura poco più di due settimane fa".

(Segue).

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata