Migranti, Lannutti (M5S) shock su Ong: "Quelle di Soros vanno affondate"
Il tweet, poi cancellato, è stato anche ridimensionato con un post su Facebook

Fa discutere il tweet su migranti e Ong (poi cancellato) di Elio Lannutti, senatore del M5S ed ex presidente di Adusbef. "Migranti: credo che di questo passo, le Ong finanziate da Soros ed altri ideologhi della sostituzione etnica, oltre ad essere bandite dovranno essere affondate. Tolleranza zero".

Il senatore, da sempre in prima fila a fianco dei risparmiatori che hanno perso i loro averi con il fallimento delle banche, deve poi rettificare con un lungo post su Facebook. "La mia personale posizione sui migranti. Siamo stati emigranti, ed anche io tra loro - spiega -. Ma non è più tollerabile accogliere tutti e da soli, alimentando le finalità poco nobili dei trafficanti di essere umani e dei governi e politici miopi, che fanno affari sulla pelle dei disperati (guadagnando di più che con i traffici di droga- mafia capitale)".

Quindi il passaggio sulle navi delle organizzazioni non governative. "Occorre poi bandire Ong, alcune con navi pirata, che si appostano ai confini libici fungendo da taxi dei disperati, tanto l'unico 'porto sicuro', sono solo quelli italiani. Se altre Ong volessero continuare nei loro 'soccorsi umanitari' devono essere obbligate a portare i migranti nei Paesi che hanno loro rilasciato la licenza per navigare, contraddistinta dalla 'bandiera'".

Lannutti cita poi un triste esempio: "Chi come me, ha fatto l'emigrante (con tanto di permesso di soggiorno), per pagarsi gli studi, nei paesi dove era vietato, in alcuni locali pubblici, l'ingresso: 'ai cani e agli italiani', guadagnandosi la vita nei cantieri e in tanti altri mestieri col sudor della fronte, non può essere 'razzista'". Evidentemente non pago, dopo essere stato duramente criticato sui social, corregge il tiro con un altro tweet: "Le Ong: 'Noi esclusi da Guardia costiera italiana. Ci hanno detto: Non servite'. Finalmente! I trafficanti e traghettatori di disperati, novelli Caronte, devono essere messi al bando".
 

© Copyright LaPresse - Riproduzione Riservata